Grazie al dispositivo messo a disposizione da Whirlpool, all’interno del progetto LifeGate PlasticLess®, sarà possibile raccogliere fino a 1,5 kg di detriti al giorno, ovvero oltre 500 kg di rifiuti all’anno

Milano (MI), Maggio 2019 – Vengono installati nella Darsena di Milano presso l’Associazione Marinai d’Italia i dispositivi Seabin per la raccolta della plastica e dei rifiuti presenti in acqua. L’installazione del Seabin è avvenuta grazie al supporto di Whirlpool EMEA che, da sempre in prima linea nella promozione dell’economia circolare e della sostenibilità ambientale, affianca LifeGate nell’implementazione del progetto LifeGate PlasticLess® finalizzato a tutelare la salute del mare attraverso l’eliminazione dei rifiuti plastici nelle acque dei porti e dei circoli nautici.

“Siamo orgogliosi di continuare a supportare il progetto LifeGate Plasticless® e di aver installato i Seabin in tutta Italia. Questa iniziativa si inserisce in pieno nella nostra strategia di sostenibilità e nell’impegno di Whirlpool in ambito economia circolare – ha dichiarato Karim Bruneo, Corporate Responsibility and Government Relations Manager, EMEA – Le nostre politiche e iniziative non guardano solo all’innovazione di prodotto e di processo ma anche ad un coinvolgimento della cittadinanza e delle comunità in cui operiamo. Tra i progetti di cui andiamo fieri, vi è l’adesione alla campagna promossa della Commissione Europea attraverso cui, entro il 2025, utilizzeremo più di 44.000 tonnellate di plastica riciclata al 100% nei componenti dei nostri elettrodomestici”.

I Seabin installati da LifeGate in collaborazione con il partner tecnico Poralu Marine, produttore dei Seabin del progetto LifeGate PlasticLess®, nella Darsena presso l’Associazione Marinai d’italia si presentano come un vero e proprio cestino inserito in acqua che, in funzione 24 ore su 24, l’apparato è in grado di catturare circa 1,5 kg di plastica al giorno, pari al peso di 100 bottigliette, ovvero oltre 500 kg di rifiuti all’anno, comprese le microplastiche da 2 a 5 mm di diametro e le microfibre da 0,3 mm che, attaccandosi alle alghe ingerite dai pesci, entrano direttamente nella catena alimentare.

Una volta raccolti i detriti, il ritiro e lo smaltimento è affidato alle aziende selezionate dal Comune per la raccolta dei rifiuti. Proprio il coinvolgimento del Comune di Milano nel progetto sta generando importanti risultati in termini di sensibilizzazione della cittadinanza e delle Pubbliche Amministrazioni, anche nell’ottica di migliorare l’impegno nella riduzione della plastica secondo il “Plastic Free Challenge” lanciato dal Ministero dell’Ambiente. La competizione, sul modello della Ice Bucket Challenge, vuole infatti sensibilizzare il maggior numero di cittadini, imprese e istituzioni all’eliminazione della plastica usa e getta.

“l’Associazione è di fatto l’espressione di una forza armata che ha nel mare la propria identità poiché rappresenta l’ambiente dove opera – ha dichiarato Marco Scavone, Presidente dell’Associazione Marinai d’Italia di Milano tutelare l’ambiente è quindi parte dei compiti istituzionali e morali dell’Associazione Marinai. La particolarità del gruppo milanese dell’Associazione, che vive per il mare ma non sul mare, sta nel fatto che è il  primo gruppo nato in Italia nel 1911, impegnato da oltre un secolo nel promuovere una cultura di rispetto e tutela di questa importante risorsa che rappresenta il nostro futuro, chiave fondamentale per la conservazione della nostra biodiversità. Promuoviamo tante iniziative sportive per i soci e per i ragazzi, ad esempio canottaggio, canoa e vela, consentendo ai più giovani di provare un’esperienza unica per i brevi periodi estivi ovvero imbarcarsi sui velieri della Marina Militare come il Vespucci e il Palinuro. Rispetto al tema dell’inquinamento da plastica in Darsena, il fenomeno è soprattutto legato ai comportamenti di cittadini e turisti che spesso abbandonano sull’Alzaia bicchieri di plastica, lattine, cannucce e incarti alimentari che inevitabilmente finiscono in acqua. E’ fondamentale quindi aumentare la sensibilità di chi frequenta i Navigli e degli esercizi commerciali della zona, affinché sia ridotto l’utilizzo di questo materiale. Una sfida possibile grazie alla sinergia creata dal progetto LifeGate PlasticLess® e dal sostegno di Whirlpool, grazie al quale potremo utilizzare un dispositivo Seabin per raccogliere i rifiuti galleggianti; alleato importante in questa lotta il Comune di Milano che è attivamente coinvolto nelle politiche di riduzione della plastica in città”.

Il fenomeno dell’inquinamento della plastica, non risparmia neanche la Darsena di Milano, a causa dei tanti rifiuti abbandonati sulle Alzaie che poi finiscono proprio nei Navigli e che per via dei venti e alle correnti, tendono a depositarsi formando un vero e proprio punto di accumulo. L’utilizzo del Seabin diventa quindi un alleato fondamentale per ripristinare velocemente la pulizia delle acque.

“Siamo davvero orgogliosi di collaborare con Whirlpool, azienda impegnata concretamente nella sostenibilità e nella riduzione della plastica – ha dichiarato Enea Roveda, Amministratore Delegato di LifeGate. Whirlpool ha scelto di aderire al nostro progetto LifeGate PlasticLess® coinvolgendo 13 porti italiani, da nord al sud del Paese, permettendoci di diffondere capillarmente la nostra sfida volta a pulire i mari dalla plastica. Crediamo quindi che grazie a Whirlpool potremo ottenere importanti benefici ambientali e promuovere insieme sempre più consapevolezza verso i cittadini che possono essere parte attiva del cambiamento per un futuro “PlasticLess”.

Il progetto, che ad oggi è focalizzato sull’Italia, dove sono coinvolti 13 tra porti e circoli nautici, arriverà nei prossimi mesi anche nel Regno Unito e in Francia, dove si prevede l’installazione di ulteriori cestini mangia rifiuti.

Whirlpool Corporation è la principale azienda di elettrodomestici al mondo con un fatturato annuo di circa 21 miliardi di dollari, 92.000 dipendenti e 65 centri di produzione e di ricerca tecnologica nel 2018. Il Gruppo commercializza i marchi Whirlpool, KitchenAid, Maytag, Consul, Brastemp, Amana, Bauknecht, Jenn-Air, Indesit, Hotpoint.
Whirlpool EMEA, con Sede a Pero, è un segmento operativo di Whirlpool Corporation ed opera in oltre 30 Nazioni con oltre 21.000 dipendenti e siti produttivi in sette Paesi.

Per maggiori informazioni sull’azienda è possibile visitare il sito WhirlpoolCorp.com o seguirci sugli account LinkedIn e Twitter.

LifeGate

LifeGate è considerata il punto di riferimento della sostenibilità in Italia e conta su una community di oltre 5 milioni di persone. Ogni giorno LifeGate lavora con passione e determinazione per mettere a disposizione informazioni, progetti e servizi coinvolgendo una rete sempre più ampia di persone, imprese, ong, istituzioni che vogliono impegnarsi attivamente al cambiamento per un futuro sostenibile.

Per maggiori informazioni sull’azienda è possibile visitare il sito www.lifegate.it o seguirci sugli account Facebook, Twitter, Instagram, LinkedIn e Youtube